10 anni o poco più

Ten years or a little more of photographic memories, of fleeting notes stolen from the slow, inexorable pace of destiny.

A name that smacks of discovery, dreams, miracles.
A keen, curious eye that can focus even on emotions.

A sort of instant Moleskine, where words give way to the image, accompanying it discreetly.

Ten years or a little more of photographic wandering: airplanes, trains, cars, buses, boats, ferries, rickshaws, tricycles and worn out shoes.

Ten shots at a time: lines, points, surfaces, light and shadow, surreal graphic impacts, linked more with the violent emotion of the moment than with the mere need for description.

Contaminations by Inapensiero, a game begun as a joke and growing by chance.

Ten years or a little more of loves, of solitude, of chance encounters at uncommon latitudes, of doubts and certainties, of confirmations and denials, of human and artistic growth.

Ten years or a little more in which the incessant searching for that immense Toyland has always been ferociously marked by the pure, never-ending poetry that goes by the name of POLAROID.

10 anni o poco più di memorie fotografiche, di appunti volanti rubati al lento inesorabile passo del destino.
Un nome che ha il sapore della scoperta, del sogno, del miracolo.
Un occhio lucido e curioso capace di mettere a fuoco perfino le emozioni.
Una sorta di moleskine a sviluppo immediato, dove la parola cede il passo all’immagine, accompagnandola discretamente.

10 anni o poco più di vagabondaggi fotografici: aerei, treni, automobili, autobus, barche, traghetti, carrozze risciò, tricicli e scarpe consumate.

10 scatti alla volta: linee, punti, superfici, luci ed ombre, impatti grafici surreali, legati più alla violenta emozione del momento che alla mera necessità descrittiva.
Contaminazioni da Inapensiero, un gioco nato per scherzo e cresciuto per caso.

10 anni o poco più di amori, di solitudine, di incontri casuali a latitudini poco comuni, di dubbi e certezze, di conferme e smentite, di crescita umana ed artistica.

10 anni o poco più in cui la ricerca incessante dell’immenso paese dei balocchi, è stata sempre ferocemente scandita da quella pura, interminabile poesia che risponde al nome di POLAROID.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url